La mamma si è addormentata – Romy Hausmann [ Recensione ]

Titolo: La mamma si è addormentata
Autrice: Romy Hausmann
Casa Editrice: Giunti Editore (3 novembre 2021)
Numero Pagine: 384
Prezzo Copertina: 16,90 €
Acquistalo su Amazon: La mamma si è addormentata

Trama

Era solo una ragazzina di quindici anni quando è stata condannata per un crimine atroce, di cui si è sempre dichiarata innocente. Adesso Nadja è una donna adulta e ha ormai scontato la sua pena. Non chiede altro che una vita normale, e quel lavoro anonimo come assistente in uno studio di avvocati sembra l’unico modo per tenere a bada gli incubi e il panico che la assale all’improvviso. Un’esistenza grigia e ripetitiva che però la fa sentire protetta. Ma un giorno, inaspettatamente, la morte rientra di nuovo nella sua vita. Laura, la moglie del suo capo, l’unica persona che le abbia mai dimostrato amicizia, ha commesso un tragico errore, un errore che è finito nel sangue. Adesso potrebbe perdere tutto: suo marito, sua figlia, le sue sicurezze. Nadja sa bene che cosa significhi. Ma sa anche che aiutarla la renderebbe sua complice. Mentre si dirige nei boschi dello Spreewald con un carico inquietante nel bagagliaio della macchina, non può certo immaginare che quel luogo popolato di oscure leggende diventerà teatro di una caccia spietata. Qualcuno sta cercando di trascinarla in un gioco perverso e Nadja capirà ben presto che il suo passato sanguinoso potrebbe fare di lei la vittima perfetta. O l’assassina perfetta.

La mamma si è addormentata è un thriller scritto da Romy Hausmann, autrice che ho avuto modo di conoscere con La mia prediletta, romanzo che ho divorato!

Aspettative altissime che sono state soddisfatte fino a circa metà storia, poi è stato un susseguirsi di problematiche.

Il libro, infatti, mi ha divisa. L’autrice è capace di mantenere alta l’attenzione, rivela piano piano particolari che fanno venir voglia di girare pagina. Si alterna passato e presente per avere un quadro chiaro e completo dei vari personaggi, le cui vite sono abilmente intersecate fra di loro. C’è un lato molto introspettivo e una minuziosa analisi psicologica.

La storia però pecca per due motivi:

  1. Fino a circa metà libro le vicende catturano, poi diventano prevedibili. Dopo aver letto il susseguirsi di alcuni eventi, mi sono detta: ora succede questo, e così è stato;
  2. La parte centrale della storia, quella dove è concentrata tutta l’azione, è assurda, perché avvengono cose che si fa fatica ad accettare. Immaginate di essere vittima di un inganno che prevede la vostra morte. Lo scoprite, vi picchiano, vi fanno di tutto e voi? Mossi da chissà quale spirito di sacrificio, aiutate il vostro aguzzino in difficoltà. Insomma, ok forzare le cose e piazzare un auto funzionante con tanto di benzina in un capanno abbandonato nel bosco da trent’anni (esempio che non ha a che vedere con la storia, ma che rende l’idea), ma infilarci l’assurdo significa anche prendere in giro i lettori.

Un peccato che la storia sia persa per strada, le premesse erano buone e l’autrice ha costruito le vicende su un terreno sapientemente coltivato.

Nonostante le brutture su citate, La mamma si è addormentata è un libro che non conosce punti morti, coinvolgente e intrigante anche quando l’autrice si addentra nell’intimo dei personaggi scrivendo pagine di introspezione. Il giudizio è il classico commento che sono soliti fare i professori: l’alunno si impegna, ma potrebbe dare molto di più.

Acquistalo su Amazon: La mamma si è addormentata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.